Assistenza a procedure concorsuali di sovraindebitamento per le aziende e per i privati


La posizione debitoria di un soggetto, sia privato consumatore che impresa non fallibile, può essere risolta ricorrendo a una delle tre procedure previste dalla Legge n° 3 del 27 gennaio 2012 n° 3, la così detta Legge sul sovraindebitamento.

Accordo di composizione della crisi e ristrutturazione con il quale ai creditori viene effettuata proposta per la rimodulazione del debito. Può prevedere una allungamento dei termini, con riduzione della rata, ma anche uno stralcio del debito.
L’accordo viene raggiunto con parere favorevole dei creditori che rappresentino almeno il sessanta per cento del debito.

Piano del consumatore, che porta agli stessi effetti dell’accordo - stralcio e rimodulazione delle scadenze - ma non necessita del parere favorevole dei creditori. E’ il Giudice che decide autonomamente, sulla base della meritevolezza del debitore e della fattibilità della proposta. Questa procedura può essere richiesta soltanto dal privato consumatore.

Liquidazione del patrimonio, che consiste nel destinare tutto il patrimonio del debitore alla vendita per il pagamento dei debiti. Fatto questo, il debitore è completamente libero, anche se molti dei creditori rimangono insoddisfatti  


CONTATTATECI SE DESIDERATE PIU' INFORMAZIONI , RISPONDEREMO QUANTO PRIMA, GRAZIE